Chiarimenti test e p24

Area dedicata allo scambio di notizie ed informazioni sulla trasmissione del virus HIV e sul Test

Moderatori: AnlaidsOnlus, Tex83, ANLAIDS, Claudia Balotta

Regole del forum
REGOLE DEL FORUM

IL FORUM SI OCCUPA PRINCIPALMENTE DI PREVENZIONE DELLA TRASMISSIONE DELL’INFEZIONE DA HIV, NON E' UN FORUM DEDICATO A TUTTE LE MALATTIE INFETTIVE.

RISPONDONO SUL FORUM:

• LA DOTTORESSA CLAUDIA BALOTTA CHE NE E’ IL REFERENTE SCIENTIFICO
• TEX83, VOLONTARIO ANLAIDS E MODERATORE

E' ASSOLUTAMENTE VIETATO INSULTARE O ASSUMERE ATTEGGIAMENTI OFFENSIVI NEI CONFRONTI DI ALTRI UTENTI. CHI SI COMPORTA IN QUESTO MODO VERRA' IMMEDIATAMENTE BANNATO.

DATO CHE IN QUESTO FORUM, A DIFFERENZA DI ALTRI, C’E’ UN MEDICO CHE RISPONDE, SI PREGA VIVAMENTE DI NON INTASARE LE CONVERSAZIONI. PER SCAMBI TRA UTENTI SI PREGA DI UTILIZZARE LA SEZIONE “NON SOLO MEDICO” O I MESSAGGI PRIVATI.
IL FORUM NON PUO' ESSERE UN PRONTO SOCCORSO; SI PREGA QUINDI DI NON POSTARE CONTINUI SOLLECITI. IL MEDICO RISPONDE IN MEDIA OGNI DUE/TRE GIORNI.

IL MEDICO E TEX83 NON RISPONDONO A MESSAGGI PRIVATI

IL TEMPO DEL MEDICO E’ LIMITATO ED E’ GIUSTO DARE A TUTTI LA POSSIBILITA’ DI AVERE RISPOSTA, QUINDI NON SONO CONSENTITI POST ESAGERATAMENTE LUNGHI O POST DI ANALISI E REFERTI: NON E’ POSSIBILE FARE DIAGNOSI ONLINE E IL FORUM NON PUO’ SOSTITUIRSI AD UNA VISITA CON UN PROFESSIONISTA

QUANDO IL MEDICO DICE "NESSUN RISCHIO" VUOL DIRE CHE E' STATA FATTA UNA VALUTAZIONE GLOBALE DEL RISCHIO E CHE IN QUEL CASO IL TEST NON È NECESSARIO.

INOLTRE, I 'SINTOMI' DELL'INFEZIONE DA HIV SONO COMUNI A MOLTE ALTRE PATOLOGIE INFETTIVE DI NATURA VIRALE O BATTERICA E MOLTO SPESSO NON È UTILE RAGIONARE SU SINTOMI GENERICI BENSÌ SUI RISCHI CONCRETI CHE SI SONO CORSI.

PER OGNI PROBLEMA TECNICO, OVVERO LEGATO ALLA REGISTRAZIONE O ALLA CANCELLAZIONE DAL FORUM E' POSSIBILE CONTATTARCI A INFO@ANLAIDSONLUS.IT

SE PENSATE CHE STIAMO FACENDO UN BUON LAVORO, POTETE SOSTENERE ANLAIDS DESTINANDO IL 5XMILLE DELLA VOSTRA DENUNCIA DEI REDDITI: BASTA INSERIRE IL NOSTRO CF 0717588587 NELL'APPOSITA CASELLA
beto
Messaggi: 13
Iscritto il: 13 febbraio 2019, 17:26

Chiarimenti test e p24

Messaggio da beto » 13 febbraio 2019, 18:17

Buongiorno,
sono un uomo di 45 anni eterosessuale. Oltre due mesi fa ho avuto un rapporto a rischio con una escort in un night club. Il rapporto è stato orale reciproco e vaginale senza eiaculazione parzialmente proteto da preservativo
Ho effettuato test di IV generazione (combo) al 21, 28, e 57 giorno tutti con esito negativo. Le linee guida nazionali indicano come definitivo il testo dopo 40 giorni….vorrei porre i seguenti quesiti:
1) per dopo 40 giorni si intende "dai 40 giorni in poi" o "a 40 giorni"?
2) un test effettuato dopo 57 giorni e oltre può ricadere in un fase in cui la p24 non è più rilevabile e gli anticorpi non ancora formati?
3) la p24 rimane sempre rilavabile se non si formano gli anticorpi o "sparisce" comunque? Nel caso dopo quanto tempo?
4) se la p24 non sparisce che senso ha ricercare gli anticorpi e se invece può sparire prima della loro formazione che differenza esiste tra un test di III e uno di IV generazione dopo questo evento?
5)posso considerare chiuso l'episodio o devo ripetere altri test?

Probabilmente ho posto domande già fatte ma sono nuovo del forum e non molto pratico, chiedo quindi scusa e se è il caso che mi indichiate come devo procedere.

Grazie per l'aiuto

Tex83
Messaggi: 9265
Iscritto il: 11 gennaio 2010, 17:42
Località: Piacenza

Re: Chiarimenti test e p24

Messaggio da Tex83 » 13 febbraio 2019, 19:03

Il test di quarta generazione è definitivo dai 40 giorni in poi, quindi decadono tutte le altre sue domande: lei è sicuramente sieronegativo.
Sostieni Anlaids con il tuo 5X1000
Inserisci il codice fiscale 07175880587 nella tua dichiarazione dei redditi

beto
Messaggi: 13
Iscritto il: 13 febbraio 2019, 17:26

Re: Chiarimenti test e p24

Messaggio da beto » 13 febbraio 2019, 21:49

Grazie per la risposta, ti ho letto spesso in questi mesi e la tua opinione mi conforta parecchio. Confesso però, che se è vero che ognuno ha il suo lavoro e quindi dovrei affidarmi ciecamente al parere degli infettivologi e a quanto riportato sulle linee guida, non nego che per sentirmi più sereno mi piacerebbe comprendere il meccanismo che ha portato a ridurre il periodo finestra da 90 a 40 giorni(!), e come si comporta realmente la p24 dal momento dall’avvenuto contagio. Ho consultato diversi infettivologi e qualcuno sostiene che non “sparisce mai”, altri che si abbassa quando il sistema immunitario ha formato sufficienti anticorpi per ridurla e un altro infettivologo sostiene che ormai la p24 non si guarda nemmeno più ma si controlla la viremia per una diagnosi ancora più immediata. Ti assicuro che sono tutti infettivologi importanti e non da molta tranquillità scontrarsi con un approccio del genere rispetto ad un elemento grazie al quale è stato possibile dimezzare il tempo finestra dei test ma che potrebbe cambiare per sempre la tua vita e quella di altre persone.
Se la dottoressa Balotta potesse fare chiarezza su questi aspetti in modo semplice e incontestabile sarebbe secondo me cosa gradita a molti utenti del forum.
Ringrazio comunque tutti per le informazioni e il supporto che date, in questi mesi siete stati un conforto importante

Tex83
Messaggi: 9265
Iscritto il: 11 gennaio 2010, 17:42
Località: Piacenza

Re: Chiarimenti test e p24

Messaggio da Tex83 » 13 febbraio 2019, 22:46

buonasera la proteina p24 è prodotta a partire dalle fasi iniziali dell'infezione quando viene liberata delle cellule CD4 infettate dal virus e continua ad essere prodotta fino alle fasi terminali dell'infezione. In fase di malattia conclamata può non essere rilevabile a causa del basso numero di CD4.
Non esistono casi accertati di test di quarta generazione falsamente negativi oltre i 40 giorni (salvo situazioni di immunodepressione grave) e per questo il periodo finestra è così fissato.
Sostieni Anlaids con il tuo 5X1000
Inserisci il codice fiscale 07175880587 nella tua dichiarazione dei redditi

beto
Messaggi: 13
Iscritto il: 13 febbraio 2019, 17:26

Re: Chiarimenti test e p24

Messaggio da beto » 14 febbraio 2019, 12:18

Grazie Tex83 per le risposte precise e puntuali.
Ho cercato di documentarmi prendendo spunto da quanto mi hai scritto ma non essendo un medico non ho capito molto.
Quello che non capisco considerando i diagrammi di sviluppo della p24 ce si trovano normalmente in rete è come il periodo finestra con i test di IV generazione possa essersi ridotto da 90 a 40 giorni quando la proteina sembra potersi negativizzare già nelle prime settimane dopo il contagio. A quel punto se non si fossero ancora formati gli anticorpi non avremmo nessuna differenza tra un test di III (secondo le linee guida periodo finestra ancora di 90 giorni) e uno di IV generazione….
Se invece la proteina continua ad essere prodotta fino alle fasi finali dell'infezione come dici tu che necessità ci sarebbe di ricercare anche gli anticorpi?
Con la logica di un progettista meccanico e non di un medico mi sembra che l'unica soluzione plausibile sia che la p24 si riduca fino a scomparire quando il sistema immunitario ha prodotto una quantità di anticorpi tale da non renderla più rilevabile ma divenendo a quel punto gli anticorpi stessi rilevabili. Questa ipotesi giustificherebbe anche la ricomparsa della p24 nella fase conclusiva della malattia quando il sistema immunitario non è più in grado di produrre un sufficiente numero di anticorpi.
Chiedo scusa se mi sono dilungato su argomenti magari già trattati ma per un errore del laboratorio non ho potuto far il test a 40 giorni e i diagrammi di sviluppo della p24 che si trovano in rete mi hanno fatto venire mille dubbi.
Grazie a presto

beto
Messaggi: 13
Iscritto il: 13 febbraio 2019, 17:26

Re: Chiarimenti test e p24

Messaggio da beto » 14 febbraio 2019, 14:54

Scusa Tex83, non voglio approfittare della tua disponibilità ma sono molto in ansia e ti sarei molto grato se riuscissi a spiegarmi perché un test di IV generazione a 57 giorni si può considerare definitivo.
Perché oggi non è più necessario attendere i famosi 90 giorni come accadeva fino a qualche anno fa quando comunque erano già utilizzati i test di IV generazione?
La scomparsa della p24 è legata alla produzione degli anticorpi e quindi prima dei 3 mesi i test rilevano comunque o l'una o gli altri?
Chiedo se possibile un conforto anche alla dottoressa Balotta.
Perdonate la mia insistenza ma sono mesi d grande ansia e vorrei poter mettere la parola fine a questa vicenda…
Grazie come sempre per la disponibilità e il supporto che date

marco85
Messaggi: 25
Iscritto il: 4 novembre 2014, 20:52

Re: Chiarimenti test e p24

Messaggio da marco85 » 14 febbraio 2019, 16:35

Il test di 4 generazione a 40 giorni è definitivo. Lo indicano le linee guida e di questo dobbiamo fidarci ciecamente.

beto
Messaggi: 13
Iscritto il: 13 febbraio 2019, 17:26

Re: Chiarimenti test e p24

Messaggio da beto » 14 febbraio 2019, 17:55

Hai ragione, considerando poi la delicatezza dell'argomento immagino che prima di modificare le linee guida vengano prese in considerazione tutte le possibili variabili al fine di tutelare la salute delle persone.
Detto questo, dato che l'esito dell'esame purtroppo coinvolge indirettamente anche altre persone, mi rendo conto di essere diventato in questi mesi un tantino paranoico ma spero di avere ugualmente un chiarimento sui quesiti che ho posto giusto per provare a ritrovare un pò di serenità.
Attendo con fiducia

Claudia Balotta
Messaggi: 10788
Iscritto il: 2 marzo 2015, 19:07

Re: Chiarimenti test e p24

Messaggio da Claudia Balotta » 14 febbraio 2019, 19:58

Buonasera,
innanzitutto confermo quanto detto da Tex83 parola per parola.
Il test combo, che rileva CONTEMPORANEAMENTE ANTIGENE p24 e ANTICORPI anti HIV, è definitivo a 40 giorni in quanto studi ad alta numerosità hanno indicato che ad almeno 40 giorni ESSI SONO PRESENTI e permettono di fare diagnosi di NEGATIVITA' se assenti o POSITIVITA' se presenti.
Claudia Balotta

beto
Messaggi: 13
Iscritto il: 13 febbraio 2019, 17:26

Re: Chiarimenti test e p24

Messaggio da beto » 15 febbraio 2019, 11:44

Gent.ma dottoressa Balotta la ringrazio per la risposta. Se possibile approfitto del servizio di consulenza per gli ultimi due quesiti per poi lasciare spazio a chi vive situazioni più angosciose della mia.
1) sono stati quindi gli studi ad alta numerosità di cui riferisce lei a permettere oggi di considerare tardiva una sieroconversione che avviene tra il 28 e il 40 giorno, quando fino a due anni fa con le precedenti linee guida era necessario attendere comunque 3 mesi per un esito definitivo pur essendo già in uso i test di IV generazione?
2) nell’ipotesi che al 57 giorno (o anche oltre) ancora non si fossero formati gli anticorpi un test di IV generazione cosa rileverebbe? L’antigene p24?
Spero siate ancora così gentile da rispondermi e faccio ancora i complimenti a tutti per il servizio che offrite.

beto
Messaggi: 13
Iscritto il: 13 febbraio 2019, 17:26

Re: Chiarimenti test e p24

Messaggio da beto » 15 febbraio 2019, 13:56

Tex83, conoscendo la tua preparazione sull’argomento avrei molto piacere ad avere un parere anche da parte tua sui quesiti che ho formulato.
Spero di non essere troppo invadente chiedendoti direttamente una risposta ma ripeto mi farebbe piacere conoscere anche la tua opinione.
Naturalmente spero e resto in attesa di una risposta della dottoressa Balotta.
Grazie, a presto

Tex83
Messaggi: 9265
Iscritto il: 11 gennaio 2010, 17:42
Località: Piacenza

Re: Chiarimenti test e p24

Messaggio da Tex83 » 15 febbraio 2019, 14:24

penso che le abbiamo già risposto dandole tutti i chiarimenti e quindi l'argomento sia esaurito.
Sostieni Anlaids con il tuo 5X1000
Inserisci il codice fiscale 07175880587 nella tua dichiarazione dei redditi

Claudia Balotta
Messaggi: 10788
Iscritto il: 2 marzo 2015, 19:07

Re: Chiarimenti test e p24

Messaggio da Claudia Balotta » 15 febbraio 2019, 21:16

Anche io considero le rispospe già date del tutto esaurienti!
....1) sono stati quindi gli studi ad alta numerosità di cui riferisce lei a permettere oggi di considerare tardiva una sieroconversione che avviene tra il 28 e il 40 giorno, quando fino a due anni fa con le precedenti linee guida era necessario attendere comunque 3 mesi per un esito definitivo pur essendo già in uso i test di IV generazione?...
IN PRECEDENZA ERA DISPONIBILE SOLO IL TEST DI 3° generazione (che rilevava solo gli anticorpi)!

...2) nell’ipotesi che al 57 giorno (o anche oltre) ancora non si fossero formati gli anticorpi un test di IV generazione cosa rileverebbe? L’antigene p24?...
ESATTO!
Claudia Balotta

beto
Messaggi: 13
Iscritto il: 13 febbraio 2019, 17:26

Re: Chiarimenti test e p24

Messaggio da beto » 16 febbraio 2019, 12:30

Grazie di nuovo a tex83 e alla dottoressa Balotta per le risposte e la pazienza.

Ragazzo-oggi
Messaggi: 4
Iscritto il: 26 dicembre 2018, 14:03

Re: Chiarimenti test e p24

Messaggio da Ragazzo-oggi » 19 febbraio 2019, 17:52

Tex scrive
> Non esistono casi accertati di test di quarta generazione
> falsamente negativi oltre i 40 giorni
> (salvo situazioni di immunodepressione grave)

Buongiorno, spero non rientri nel caso a cui fa riferimento Tex una ipogammaglobulinemia ventennale con IgG 5,88 (range: 7-16; due anni fa: 7) e CD4 ventennali a 34% (range 40-54%), catene leggere nella norma ma con CD8 dimezzati rispetto a due anni fa (per cui la ratio dalla ventennale 0,5 è passata ora a 1,2); e che la risposta anticorpale possa essere misurata con test Ab/ag a 152 giorni (e precedenti test a 45, 76, 118 giorni), senza dover ricorrere a PCR, per la quale tra l'altro non si trova laboratorio privato che la fa mentre il pubblico non la fa neanche a pagamento.

Grazie molte.
Ultima modifica di Ragazzo-oggi il 19 febbraio 2019, 18:23, modificato 1 volta in totale.

Rispondi