Chiarimenti Linfogranuloma Venereo

Area dedicata allo scambio di notizie ed informazioni sulla trasmissione del virus HIV e sul Test

Moderatori: AnlaidsOnlus, Claudia Balotta, ANLAIDS

Regole del forum
REGOLE DEL FORUM

IL FORUM SI OCCUPA PRINCIPALMENTE DI PREVENZIONE DELLA TRASMISSIONE DELL’INFEZIONE DA HIV, NON E' UN FORUM DEDICATO A TUTTE LE MALATTIE INFETTIVE.

RISPONDONO SUL FORUM:

• LA DOTTORESSA CLAUDIA BALOTTA CHE NE E’ IL REFERENTE SCIENTIFICO
• TEX83, VOLONTARIO ANLAIDS E MODERATORE

DATO CHE IN QUESTO FORUM, A DIFFERENZA DI ALTRI, C’E’ UN MEDICO CHE RISPONDE, SI PREGA VIVAMENTE DI NON INTASARE LE CONVERSAZIONI. PER SCAMBI TRA UTENTI SI PREGA DI UTILIZZARE LA SEZIONE “NON SOLO MEDICO” .
IL FORUM NON PUO' ESSERE UN PRONTO SOCCORSO; SI PREGA QUINDI DI NON POSTARE CONTINUI SOLLECITI. IL MEDICO RISPONDE IN MEDIA OGNI DUE/TRE GIORNI.

IL MEDICO NON RISPONDE A MESSAGGI PRIVATI

IL TEMPO DEL MEDICO E’ LIMITATO ED E’ GIUSTO DARE A TUTTI LA POSSIBILITA’ DI AVERE RISPOSTA, QUINDI NON SONO CONSENTITI POST ESAGERATAMENTE LUNGHI O POST DI ANALISI E REFERTI: NON E’ POSSIBILE FARE DIAGNOSI ONLINE E IL FORUM NON PUO’ SOSTITUIRSI AD UNA VISITA CON UN PROFESSIONISTA

QUANDO IL MEDICO DICE "NESSUN RISCHIO" VUOL DIRE CHE E' STATA FATTA UNA VALUTAZIONE GLOBALE DEL RISCHIO E CHE IN QUEL CASO IL TEST NON È NECESSARIO.

INOLTRE, I 'SINTOMI' DELL'INFEZIONE DA HIV SONO COMUNI A MOLTE ALTRE PATOLOGIE INFETTIVE DI NATURA VIRALE O BATTERICA E MOLTO SPESSO NON È UTILE RAGIONARE SU SINTOMI GENERICI BENSÌ SUI RISCHI CONCRETI CHE SI SONO CORSI.

PER OGNI PROBLEMA TECNICO, OVVERO LEGATO ALLA REGISTRAZIONE O ALLA CANCELLAZIONE DAL FORUM E' POSSIBILE CONTATTARCI A INFO@ANLAIDSONLUS.IT

SE PENSATE CHE STIAMO FACENDO UN BUON LAVORO, POTETE SOSTENERE ANLAIDS DESTINANDO IL 5XMILLE DELLA VOSTRA DENUNCIA DEI REDDITI: BASTA INSERIRE IL NOSTRO CF 0717588587 NELL'APPOSITA CASELLA

Chiarimenti Linfogranuloma Venereo

Messaggioda nicolabbb » 20 aprile 2016, 15:05

Gentile esperto,
Colgo l’occasione della sua specializzazione in malattie sessualmente per porle un’ultima questione.
Circa 8 mesi fa ho ricevuto un singolo rapporto orale senza preservativo (io ho messo il pene ed il partner la bocca) con un soggetto omosessuale di 65 anni, quindi con un passato ad alta promiscuità. Vista la leggerezza di questa azione, la preoccupazione per la mia igiene nei giorni successivi all’accaduto mi ha portato ad un’eccessivo lavaggio del pene con conseguente screpolatura/squamatura della sua pelle oltre che leggero bruciore nell’urinare perché ho insistito con il detergente anche nella parte esterna dell’uretra(apice del prepuzio). Dopo aver ripreso una regolarità più moderata dei lavaggi mi è totalmente sparita la sintomatologia indicata precedentemente, e non è più ricomparsa.

Oltre a questo singolo contatto ve ne sono stati di altro tipo (consistono nell’inserimento da parte del mio precedente partner,soggetto omosessuale scoperto essere ad alta promiscuità, delle sue dita sporche di sperma nel mio ano all’incirca di 2/3 centimetri) che hanno avuto principio 5 anni fa mentre l’ultimo risale a 95 giorni fa. 4 giorni dopo l’ultimo contatto ho avvertito dentro l’ano,sempre di 2/3 centimetri, una sorta di brufolino che poi nei giorni successivi non ho avuto modo di risentire. A 35 giorni dall’ultimo contatto, ritastandomi l’ano 3 centimetri all’interno continuavo a sentire piccole nervature/noduli/rilievi che però non essendo medico faticavo a interpretare. Ho riferito questo mio dubbio al medico di base e mi spiegava come ciò che avevo sentito era da considerarsi normale anatomia dell’ano, nella sua muscolatura,increspatura e nervature emorroidali.

Grazie a svariati test e visite Venereologiche (5 più un’anoscopia) abbiamo escluso la presenza di Hiv,HPV, sifilide, gonorrea e clamydia (solo a livello del pene in quanto l’unico test relativo a queste due patologie è stato l’esame delle urine).

Ora veniamo al nocciolo della mia questione: nell’ultimo mese, solo se mi concentro su questo specifica sensazione, riesco ad avvertire un leggero fastidio nel basso addome destro. Quando mi impegno in qualsiasi altra attività, anche sportiva, distraendomi dalle mie manie IPOCONDRIACHE, non avverto nulla. PUÒ IN QUALCHE MODO ESSERE CORRELATA QUESTO LIEVE FASTIDIO AD UN LINFOGRANULOMA VENEREO? IL MIO MEDICO DI BASE MI RASSICURA DICENDO CHE NEL CASO AVESSI CONTRATTO QUESTA PATOLOGIA, DOPO 95 GIORNI, AVREI IMPORTANTI DOLORI E FASTIDI (COME RIGONFIAMENTI EVIDENTISSIMI) NON SOLO CONCENTRANDOMI SULLA LORO PRESENZA, DEFINENDOLA UNA PATOLOGIA CHE NON PUÒ IN ALCUN MODO PASSARE INOSSERVATA. QUAL’È IL SUO PARERE DA ESPERTO IN MATERIA?
nicolabbb
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 3 febbraio 2016, 16:35

Re: Chiarimenti Linfogranuloma Venereo

Messaggioda Claudia Balotta » 24 aprile 2016, 10:08

Buongiorno,
in assenza di tumefazioni linfonodali in zona inguinale e di una evoluzione della sintomotologia e la presentazione di lesioni ( proctite ulcerativa, emorragie e raramente stenosi) penso che si possa escludere la sua ipotesi.
Claudia Balotta
Claudia Balotta
 
Messaggi: 9184
Iscritto il: 2 marzo 2015, 19:07


Torna a HIV: trasmissione e diagnosi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Exabot [Bot], Google [Bot] e 16 ospiti