Ho molta paura

Area dedicata allo scambio di notizie ed informazioni sulla trasmissione del virus HIV e sul Test

Moderatori: AnlaidsOnlus, Tex83, ANLAIDS, Claudia Balotta

Regole del forum
REGOLE DEL FORUM

IL FORUM SI OCCUPA PRINCIPALMENTE DI PREVENZIONE DELLA TRASMISSIONE DELL’INFEZIONE DA HIV, NON E' UN FORUM DEDICATO A TUTTE LE MALATTIE INFETTIVE.

RISPONDONO SUL FORUM:

• LA DOTTORESSA CLAUDIA BALOTTA CHE NE E’ IL REFERENTE SCIENTIFICO
• TEX83, VOLONTARIO ANLAIDS E MODERATORE

E' ASSOLUTAMENTE VIETATO INSULTARE O ASSUMERE ATTEGGIAMENTI OFFENSIVI NEI CONFRONTI DI ALTRI UTENTI. CHI SI COMPORTA IN QUESTO MODO VERRA' IMMEDIATAMENTE BANNATO.

DATO CHE IN QUESTO FORUM, A DIFFERENZA DI ALTRI, C’E’ UN MEDICO CHE RISPONDE, SI PREGA VIVAMENTE DI NON INTASARE LE CONVERSAZIONI. PER SCAMBI TRA UTENTI SI PREGA DI UTILIZZARE LA SEZIONE “NON SOLO MEDICO” O I MESSAGGI PRIVATI.
IL FORUM NON PUO' ESSERE UN PRONTO SOCCORSO; SI PREGA QUINDI DI NON POSTARE CONTINUI SOLLECITI. IL MEDICO RISPONDE IN MEDIA OGNI DUE/TRE GIORNI.

IL MEDICO E TEX83 NON RISPONDONO A MESSAGGI PRIVATI

IL TEMPO DEL MEDICO E’ LIMITATO ED E’ GIUSTO DARE A TUTTI LA POSSIBILITA’ DI AVERE RISPOSTA, QUINDI NON SONO CONSENTITI POST ESAGERATAMENTE LUNGHI O POST DI ANALISI E REFERTI: NON E’ POSSIBILE FARE DIAGNOSI ONLINE E IL FORUM NON PUO’ SOSTITUIRSI AD UNA VISITA CON UN PROFESSIONISTA

QUANDO IL MEDICO DICE "NESSUN RISCHIO" VUOL DIRE CHE E' STATA FATTA UNA VALUTAZIONE GLOBALE DEL RISCHIO E CHE IN QUEL CASO IL TEST NON È NECESSARIO.

INOLTRE, I 'SINTOMI' DELL'INFEZIONE DA HIV SONO COMUNI A MOLTE ALTRE PATOLOGIE INFETTIVE DI NATURA VIRALE O BATTERICA E MOLTO SPESSO NON È UTILE RAGIONARE SU SINTOMI GENERICI BENSÌ SUI RISCHI CONCRETI CHE SI SONO CORSI.

PER OGNI PROBLEMA TECNICO, OVVERO LEGATO ALLA REGISTRAZIONE O ALLA CANCELLAZIONE DAL FORUM E' POSSIBILE CONTATTARCI A INFO@ANLAIDSONLUS.IT

SE PENSATE CHE STIAMO FACENDO UN BUON LAVORO, POTETE SOSTENERE ANLAIDS DESTINANDO IL 5XMILLE DELLA VOSTRA DENUNCIA DEI REDDITI: BASTA INSERIRE IL NOSTRO CF 0717588587 NELL'APPOSITA CASELLA
Rispondi
insicuro75
Messaggi: 2
Iscritto il: 30 aprile 2021, 17:26

Ho molta paura

Messaggio da insicuro75 » 3 maggio 2021, 17:30

Buongiorno a tutti, ho fatto un errore e probabilmente il senso di colpa rafforza le mie paure, per questo vi scrivo, per avere il vostro parere come esperti e perché credo mi serva proprio il parere di qualcuno esterno alla vicenda che la sappia leggere con la razionalità che in questo momento mi manca.

18 giorni fa ho avuto un rapporto con un' altro uomo. I primi giorni dopo li ho vissuti senza preoccupazioni, comunque deciso a non rifarlo, perché mi sembrava di aver seguito tutte le regole del sesso sicuro. Ma poi ripensandoci dei dubbi mi sono venuti. Cercando in rete ogni tanto trovo cose che mi rassicurano ed ogni tanto altre che mi mettono paura ed a questo punto non riesco neanche a dormire bene,sono in forte ansia e ripenso solamente all'episodio.

Il mio partner occasionale è anche lui impegnato e dice di fare i controlli per le varie malattie perché ogni tanto ha di questi incontri e di usare sempre il preservativo, ma non so se fidarmi. Io non avevo mai avuto rapporti di questo tipo.

Quando ci siamo incontrati abbiamo prima strusciato i nostri peni uno sopra l'altro e con le mani. Il suo prepuzio sembrava un po bagnato, alla vista non sembrava presperma, era molto abbondante non appiccicoso e lui non era eccitato prima di iniziare, sembrava solo urina. Era appena uscito da un bagno li vicino. Il suo pene sotto al mio con i glandi che puntavano l'uno verso la pancia dell'altro e quindi non a contatto tra loro e mi sembra che non siano mai stati tirati su. In questo modo i glandi non sono mai venuti a contatto e ne la mia mano ne la sua ha mai toccato la punta del glande, proprio o dell'altro. Sono stati degli strusciamenti leggeri, mai forzati.

Poi ci siamo spostati in un bagno li vicino rimettendo i peni negli slip e nei pantaloni. Li ho preso il suo pene in mano, tenendo il glande/prepuzio in alto nel mio pugno, non mi sembrava più bagnato, la mia mano copriva ampiamente anche parecchi cm sotto al suo glande, ed ho iniziato a leccare lo scroto e la base dell'asta. In alto sono arrivato a leccare fino alle mie dita che stavano più in basso nel suo pene, quindi pochi cm della base del pene, e sotto anche un po dietro lo scroto, ma pur non ricordando perfettamente non credo possibile di essere arrivato al perineo e sicuramente in alto non al glande o al prepuzio che era coperto dalla mia mano. Nel pugno non mi è sembrato di sentire il suo presperma e non credo che il liquido in caso potesse essere sceso sotto le mie dita, se era presente era poco e la mia mano non mi è sembrata bagnata. Lo scroto e la base del pene, a parte la mia saliva non sembravano bagnati e non avevano segni evidenti di lesioni. Si sentiva un leggero odore di urina. Poi ho smesso, lui ha indossato il preservativo, purtroppo lo ha appoggiato nel verso sbagliato e poi lo ha girato nel verso corretto e lo ha infilato. Ho toccato, con un polpastrello di un dito della mano con cui prima tenevo il suo glande, la punta del profilattico per verificare se ci fosse aria. Ma non mi sembra di aver avuto le mani o il polpastrello bagnate del suo presperma, lo avrei sentito. Poi ho leccato e iniziato a succhiare il suo pene con il preservativo per pochi attimi perché lo ha iniziato a spingere in fondo alla mia gola, arrivando al palato in fondo, forse anche a toccare l'ugola ed a quel punto ho smesso perché mi aveva dato fastidio non avendolo mai fatto prima.
(A casa ho controllato e ad occhio non avevo lesioni alla gola, solo fastidio.)
Poi siamo passati ad un rapporto anale, con lo stesso preservativo che non ha mai tolto. Il posto era scomodo e stretto, mi sono girato, ma comunque in posizione eretta, appoggiandomi al muro con le mani. Ci sono voluti un bel po di secondi, se non un minuto per trovare la posizione giusta. Avrei dovuto inumidirmi con la mia saliva, ma invece lo ha fatto lui con la sua, non so se sputando o leccando le sue dita e passandole sul mio ano (soffro di emorroidi esterne, ma in quel momento non avevo perso sangue da uno o due giorni). Ha faticato ad infilare il pene con il preservativo nel mio ano perché per me era la prima volta, sicuramente l'ultima, ma non ha forzato troppo. Ho sentito che è entrato con la punta, ma dopo due o tre spinte, sempre con la punta, è venuto nel preservativo. Io in questo periodo di tempo mi sono coperto almeno una volta il glande con la mano con cui avevo toccato il suo pene per non sbattere sul muro. Quando lui ha estratto il pene io mi sono girato. Lui ha srotolato il preservativo che a me sembrava completamente integro, con il suo sperma dentro.
(Lui ad una mia richiesta lo ha confermato.)
Io mi sono pulito dietro un paio di volte con un fazzolettino, non ero sporco, un po umido, per la saliva e per i miei liquidi interni, e sopratutto non ho visto nessuna traccia di sangue e naturalmente nessuna di quello che potesse sembrare sperma. Io in tutto questo tempo avevo un'erezione ma non sono venuto, ero solo un po bagnato di presperma e mi sono pulito con della carta igienica, ma non pensandoci, con la stessa mano con cui durante il rapporto orale avevo tenuto il suo glande, con cui mi ero appoggiato poi al muro, tenuto qualche secondo coperta la punta del mio glande e con cui avevo preso la carta igienica per pulire il sedere. E purtroppo almeno uno o due dei miei polpastrelli non coperti dalla carta hanno toccato il meato uretrale (la punta del glande) infatti li ho sentiti bagnati del mio presperma. Dopo un po di tempo tornato a casa ho controllato l'ano ma non mi sembra di aver visto perdite di sangue.

Scusate se sono stato troppo lungo, vi prego comunque di leggerlo con attenzione perché a me stanno facendo impazzire proprio alcuni di questi momenti particolari, ma ho cercato di scrivere tutti i miei ricordi cosi come ogni tanto li ripenso per cercare di tranquillizzarmi.

Da quello che ho letto in giro, anche su questo forum, non credo di aver rischiato per HIV?
Perché in caso il contatto con il suo presperma sarebbe indiretto, almeno credo?
Se ci fosse stato presperma sulla punta del preservativo quando lo ha appoggiato al contrario?
Però ho toccato anche io la punta del preservativo con la mano con cui avevo tenuto il suo glande, anche se non mi sembrava bagnata. Sicuramente tra quando ha appoggiato al contrario il preservativo a quando io ho toccato la punta per vedere se ci fosse aria dovrebbero essere passati alcuni secondi e da quando l'ho toccato a quando ho avvicinato la bocca almeno altri due o tre secondi se non di più. Potrei aver rischiato in questo caso?

Ma forse ho rischiato altre MST? in qualche altra fase della vicenda? o anche semplicemente quando ha usato la sua saliva per inumidire il mio ano? o quando ho toccato io con i polpastrelli che probabilmente non avevano sopra del suo liquido ma che avevo appoggiato al muro?.

Lo so forse alcuni sembrano dubbi stupidi ed il fatto di ripensarci li fa aumentare, ma insieme al senso di colpa mi stanno logorando. Non ne posso parlare con nessuno neanche con il mio medico di base.

Aggiungo solo che in questi 18 giorni passati dall'evento non ho avuto nessuna febbre,ne vescicole ai genitali, bocca o ano e nessun fastidio ai linfonodi.
Ma 12 giorni dopo il fatto ho iniziato ad avvertire un lieve bruciore/prurito interno al meato uretrale (la punta del glande) non presente sempre che scompariva piano piano urinando, senza dolore alla minzione, senza perdite di liquidi strani anche massaggiando il glande e ne puntini o macchie strane. Fastidio/bruciore che oggi è minimo e quasi assente e che fino a poco fa credevo dovuto al fatto che nei giorni precedenti alla comparsa del bruciore, per la paura delle altre MST, mi è capitato di controllare spesso il meato con i polpastrelli e credo almeno un paio di volte di averlo fatto anche dopo pochi secondi che avevo messo del gel disinfettante sulle mani. Ma adesso leggendo mi viene il dubbio/paura possa essere Clamidia?

Vi ringrazio fin da ora per le risposte e mi scuso ancora per il messaggio troppo lungo.

Tex83
Messaggi: 9352
Iscritto il: 11 gennaio 2010, 17:42
Località: Piacenza

Re: Ho molta paura

Messaggio da Tex83 » 3 maggio 2021, 17:43

insicuro75 ha scritto:

>
> Il mio partner occasionale è anche lui impegnato e dice di fare i controlli
> per le varie malattie perché ogni tanto ha di questi incontri e di usare
> sempre il preservativo, ma non so se fidarmi. Io non avevo mai avuto
> rapporti di questo tipo.

IN TUTTI I RAPPORTI OCCASIONALI, LA "PAROLA" DEL PARTNER HA SCARSO VALORE, SE NON NULLA. E' NECESSARIO SEGUIRE LE REGOLE DEL SESSO PIU' SICURO.

>
> Quando ci siamo incontrati abbiamo prima strusciato i nostri peni uno sopra
> l'altro e con le mani. Il suo prepuzio sembrava un po bagnato, alla vista
> non sembrava presperma, era molto abbondante non appiccicoso e lui non era
> eccitato prima di iniziare, sembrava solo urina. Era appena uscito da un
> bagno li vicino. Il suo pene sotto al mio con i glandi che puntavano l'uno
> verso la pancia dell'altro e quindi non a contatto tra loro e mi sembra che
> non siano mai stati tirati su. In questo modo i glandi non sono mai venuti
> a contatto e ne la mia mano ne la sua ha mai toccato la punta del glande,
> proprio o dell'altro. Sono stati degli strusciamenti leggeri, mai forzati.
>

SE NON C'E' STATO STRUSCIAMENTO CON SCAMBIO DI LIQUIDI NESSUN RISCHIO

> Poi ci siamo spostati in un bagno li vicino rimettendo i peni negli slip e
> nei pantaloni. Li ho preso il suo pene in mano, tenendo il glande/prepuzio
> in alto nel mio pugno, non mi sembrava più bagnato, la mia mano copriva
> ampiamente anche parecchi cm sotto al suo glande, ed ho iniziato a leccare
> lo scroto e la base dell'asta. In alto sono arrivato a leccare fino alle
> mie dita che stavano più in basso nel suo pene, quindi pochi cm della base
> del pene, e sotto anche un po dietro lo scroto, ma pur non ricordando
> perfettamente non credo possibile di essere arrivato al perineo e
> sicuramente in alto non al glande o al prepuzio che era coperto dalla mia
> mano. Nel pugno non mi è sembrato di sentire il suo presperma e non credo
> che il liquido in caso potesse essere sceso sotto le mie dita, se era
> presente era poco e la mia mano non mi è sembrata bagnata. Lo scroto e la
> base del pene, a parte la mia saliva non sembravano bagnati e non avevano
> segni evidenti di lesioni. Si sentiva un leggero odore di urina. Poi ho
> smesso, lui ha indossato il preservativo, purtroppo lo ha appoggiato nel
> verso sbagliato e poi lo ha girato nel verso corretto e lo ha infilato. Ho
> toccato, con un polpastrello di un dito della mano con cui prima tenevo il
> suo glande, la punta del profilattico per verificare se ci fosse aria. Ma
> non mi sembra di aver avuto le mani o il polpastrello bagnate del suo
> presperma, lo avrei sentito. Poi ho leccato e iniziato a succhiare il suo
> pene con il preservativo per pochi attimi perché lo ha iniziato a spingere
> in fondo alla mia gola, arrivando al palato in fondo, forse anche a toccare
> l'ugola ed a quel punto ho smesso perché mi aveva dato fastidio non
> avendolo mai fatto prima.
> (A casa ho controllato e ad occhio non avevo lesioni alla gola, solo
> fastidio.)

LEI NON HA INGOIATO LIQUIDO SEMINALE O PRESPERMATICO, E ANCHE IL RIPOSIZIONAMENTO DEL PRESERVATIVO E' EVENTUALMENTE UN CONTATTO INDIRETTO NON A RISCHIO PER HIV.
PER FARE LE COSE "PER BENE" IL PRESERVATIVO AVREBBE DOVUTO ESSERE SOSTITUITO

> Poi siamo passati ad un rapporto anale, con lo stesso preservativo che non
> ha mai tolto.

QUESTO E' UN ERRORE, PERCHE' IL PRESERVATIVO VA TASSATIVAMENTE CAMBIATO AD OGNI TIPO DI RAPPORTO, PER EVITARNE LA ROTTURA. COSA CHE COMUNQUE NON E' AVVENUTA

Il posto era scomodo e stretto, mi sono girato, ma comunque
> in posizione eretta, appoggiandomi al muro con le mani. Ci sono voluti un
> bel po di secondi, se non un minuto per trovare la posizione giusta. Avrei
> dovuto inumidirmi con la mia saliva, ma invece lo ha fatto lui con la sua,
> non so se sputando o leccando le sue dita e passandole sul mio ano (soffro
> di emorroidi esterne, ma in quel momento non avevo perso sangue da uno o
> due giorni).

NESSUN RISCHIO PER HIV, LA SALIVA NON E' UN LIQUIDO POTENZIALMENTE INFETTIVO

Ha faticato ad infilare il pene con il preservativo nel mio
> ano perché per me era la prima volta, sicuramente l'ultima, ma non ha
> forzato troppo. Ho sentito che è entrato con la punta, ma dopo due o tre
> spinte, sempre con la punta, è venuto nel preservativo. Io in questo
> periodo di tempo mi sono coperto almeno una volta il glande con la mano con
> cui avevo toccato il suo pene per non sbattere sul muro. Quando lui ha
> estratto il pene io mi sono girato. Lui ha srotolato il preservativo che a
> me sembrava completamente integro, con il suo sperma dentro.
> (Lui ad una mia richiesta lo ha confermato.)
> Io mi sono pulito dietro un paio di volte con un fazzolettino, non ero
> sporco, un po umido, per la saliva e per i miei liquidi interni, e
> sopratutto non ho visto nessuna traccia di sangue e naturalmente nessuna di
> quello che potesse sembrare sperma. Io in tutto questo tempo avevo
> un'erezione ma non sono venuto, ero solo un po bagnato di presperma e mi
> sono pulito con della carta igienica, ma non pensandoci, con la stessa mano
> con cui durante il rapporto orale avevo tenuto il suo glande, con cui mi
> ero appoggiato poi al muro, tenuto qualche secondo coperta la punta del mio
> glande e con cui avevo preso la carta igienica per pulire il sedere.

CONTATTI INDIRETTI, NON A RISCHIO HIV

E
> purtroppo almeno uno o due dei miei polpastrelli non coperti dalla carta
> hanno toccato il meato uretrale (la punta del glande) infatti li ho sentiti
> bagnati del mio presperma. Dopo un po di tempo tornato a casa ho
> controllato l'ano ma non mi sembra di aver visto perdite di sangue.
>
> Scusate se sono stato troppo lungo, vi prego comunque di leggerlo con
> attenzione perché a me stanno facendo impazzire proprio alcuni di questi
> momenti particolari, ma ho cercato di scrivere tutti i miei ricordi cosi
> come ogni tanto li ripenso per cercare di tranquillizzarmi.
>
> Da quello che ho letto in giro, anche su questo forum, non credo di aver
> rischiato per HIV?

CORRETTO

> Perché in caso il contatto con il suo presperma sarebbe indiretto, almeno
> credo?

CORRETTO

> Se ci fosse stato presperma sulla punta del preservativo quando lo ha
> appoggiato al contrario?

NON VEDO RISCHI IN QUESTO

> Però ho toccato anche io la punta del preservativo con la mano con cui
> avevo tenuto il suo glande, anche se non mi sembrava bagnata. Sicuramente
> tra quando ha appoggiato al contrario il preservativo a quando io ho
> toccato la punta per vedere se ci fosse aria dovrebbero essere passati
> alcuni secondi e da quando l'ho toccato a quando ho avvicinato la bocca
> almeno altri due o tre secondi se non di più. Potrei aver rischiato in
> questo caso?

NO

>
> Ma forse ho rischiato altre MST? in qualche altra fase della vicenda? o
> anche semplicemente quando ha usato la sua saliva per inumidire il mio ano?
> o quando ho toccato io con i polpastrelli che probabilmente non avevano
> sopra del suo liquido ma che avevo appoggiato al muro?.

CERTO, LEI HA CORSO RISCHI PER ALTRE MST COME SIFILIDE, HPV, HERPES, GONORREA.
MA SOTTO CI DESCRIVE CHE NON HA AVUTO I SINTOMI CARATTERISTICI DI QUESTE PATOLOGIE

>
> Lo so forse alcuni sembrano dubbi stupidi ed il fatto di ripensarci li fa
> aumentare, ma insieme al senso di colpa mi stanno logorando. Non ne posso
> parlare con nessuno neanche con il mio medico di base.

E PERCHE' NO?

>
> Aggiungo solo che in questi 18 giorni passati dall'evento non ho avuto
> nessuna febbre,ne vescicole ai genitali, bocca o ano e nessun fastidio ai
> linfonodi.
> Ma 12 giorni dopo il fatto ho iniziato ad avvertire un lieve
> bruciore/prurito interno al meato uretrale (la punta del glande) non
> presente sempre che scompariva piano piano urinando, senza dolore alla
> minzione, senza perdite di liquidi strani anche massaggiando il glande e ne
> puntini o macchie strane. Fastidio/bruciore che oggi è minimo e quasi
> assente e che fino a poco fa credevo dovuto al fatto che nei giorni
> precedenti alla comparsa del bruciore, per la paura delle altre MST, mi è
> capitato di controllare spesso il meato con i polpastrelli e credo almeno
> un paio di volte di averlo fatto anche dopo pochi secondi che avevo messo
> del gel disinfettante sulle mani. Ma adesso leggendo mi viene il
> dubbio/paura possa essere Clamidia?

LA CLAMIDIA NON SI DIAGNOSTICA "A OCCHIO" MA CON UN TAMPONE URETRALE, DA FARSI SOLO SE I SINTOMI SONO "VERI" E NON PRESUNTI, E DOPO CONSULTO MEDICO

>
> Vi ringrazio fin da ora per le risposte e mi scuso ancora per il messaggio
> troppo lungo.


NESSUN PROBLEMA.
MI SEMBRA CHE ABBIA UN PO' DI CONFUSIONE SULLE MODALITA' DI TRASMISSIONE DEL VIRUS HIV E SULL'USO CORRETTO DEL PRESERVATIVO.
PER QUESTO MOTIVO LE CHIEDO DI LEGGERE CON LA MASSIMA ATTENZIONE LE NOSTRE FAQ: https://www.anlaidsonlus.it/cosa-devi-sapere
PER SINTETIZZARE, A MIO AVVISO NON HA CORSO RISCHI PER HIV.
SE LEI E' UNA PERSONA SESSUALMENTE ATTIVA, TENGA PRESENTE CHE ALMENO ANNUALMENTE E' CONSIGLIATO UNO SCREENING PER LE PRINCIPALI MST E LA VERIFICA DI ESSERE COPERTO DALLE VACCINAZIONI OBBLIGATORIE (EPATITE B) O FACOLTATIVE SE CONSIGLIATE DAL MEDICO (HPV, EPATITE A)
Sostieni Anlaids con il tuo 5X1000
Inserisci il codice fiscale 07175880587 nella tua dichiarazione dei redditi

insicuro75
Messaggi: 2
Iscritto il: 30 aprile 2021, 17:26

Re: Ho molta paura

Messaggio da insicuro75 » 4 maggio 2021, 15:45

Grazie infinite Tex83 per la risposta ieri leggendola mi sono sentito rinato, ho paura anche delle altre infezioni ma in caso troverò il modo di affrontarle.

Lo so che ha scarso valore quello che l'altra persona mi ha comunicato è uno dei motivi per cui la paura e l'ansia mi hanno preso.

Ieri non le ho potuto rispondere e non ho potuto rileggere le informazioni al link che mi ha indicato, probabilmente prima le avevo lette con poca attenzione.
Però ho letto più volte le sue risposte e mi sono accorto di aver detto una cosa in maniera diversa da come è accaduta. Non la sto immaginando per colpa della paura è che essendo io concentrato con i miei timori nella seconda fase dell'incontro, a distanza di quasi 20 giorni, il ricordo legato alla prima fase di strusciamento è affiorato solamente ieri sera.

Devo premettere che sono circonciso quindi il mio glande è sempre esposto e non l'ho mai pensato come ad una membrana da cui possono passare virus o batteri. Ho sempre pensato che il punto di pericolo fosse il meato. Non ho mai trovato nessuna differenza tra la pelle del glande circonciso e quella del resto del pene, tanto è vero che il mio glande non è piu sensibile della pelle del resto del pene.

E devo anche aggiungere un particolare che ho omesso perchè non lo ritenevo influente, al momento dell'incontro indossavo già da alcuni minuti una specie di cockring alla base dello scroto. Il pene non era già eretto ma ha raggiunto l'erezione in pochissimo tempo.

In realtà i peni sono stati tirati su ed accostati e strusciati per qualche secondo prima di interrompere per spostarci.

lei ha scritto:

> SE NON C'E' STATO STRUSCIAMENTO CON SCAMBIO DI LIQUIDI NESSUN RISCHIO

Io sono almeno dieci centimetri più alto dell'altra persona ed il mio pene (più lungo dell'altro) era già eretto. I glandi non sono stati accostati a pari altezza perché l'immagine che mi è tornata in mente è dei nostri peni con il glande in alto tenuti dalla mano dell'altra persone alla base del pene, con il suo glande un po più in basso. Con lui che li voleva strusciare anche cosi ma io che gli ho detto di smettere. Quindi per qualche secondo (pochissimo, sono stati accostati con i glandi nella stessa direzione). Io ricordo bene che dal mio pene non usciva liquido preseminale e credo anche da quello dell'altra persona, avevamo iniziato da pochissimo, anche se prima sembrava bagnato, probabilmente da urina, ma non sapendo bene come sia in stato normale un glande di un pene non circonciso non lo posso affermare con certezza. Sicuramente non c'è stato scambio di liquidi, ed i meati dei due peni erano molto distanti, ma il suo glande, o solo il suo prepuzio, ma sicuramente non il suo meato, può essere stato a contatto con la parte del mio glande dove c'è una cicatrice dove prima era il frenulo. In pratica la parte dove la corona del glande si riunisce e va in su verso il meato. Oppure un po con la corona del glande li vicino. Sicuramente non più sopra. Sono quasi certo di non aver sentito del bagnato in quella posizione, per come ho le varie paure avrei interrotto e me ne sarei andato.
Però potrei non essermi accorto di liquido preseminale che forse gli stava uscendo, anche poco, sul suo glande che quindi in via ipotetica sarebbe potuto essere a contatto con la base del mio glande. Non essendoci stato scambio di liquidi e visto che sono circonciso (anche se la pelle del mio glande era tirata a causa dell'erezione) se fosse successo avrei rischiato?
Credo che alla fine sia simile ad un contatto indiretto e visto che sono circonciso quella parte del mio glande non sia una vera e propria membrana, ma non so se la preoccupazione non mi faccia ragionare correttamente.
Spero di essermi spiegato bene.

Non vi voglio far perdere tempo ma mi è sorto un dubbio. Lei ha scritto che

>
> CERTO, LEI HA CORSO RISCHI PER ALTRE MST COME SIFILIDE, HPV, HERPES, GONORREA.
> MA SOTTO CI DESCRIVE CHE NON HA AVUTO I SINTOMI CARATTERISTICI DI QUESTE PATOLOGIE
>

Potrebbero non essersi presentate macchie o puntini o lesioni (tipo quella della sifilide) strane sul glande proprio per il fatto che sono circonciso?

E se me lo può spiegare, come le ho rischiate, leccando la base del pene ed i genitali o con la saliva sull'ano? Forse in entrambi i modi?
(Non ho nessuna intenzione di rifare un'esperienza del genere è solo per capire bene)

Per quanto riguarda il mio bruciore al meato che ancora non è del tutto sparito (senza dolore alla minzione e senza perdite strane) che alla fine ho scritto che:

> > leggendo mi viene il dubbio/paura possa essere Clamidia?

è perché avevo letto a questo link https://www.paginemediche.it/medicina-e ... pericolosa

la frase seguente:

"In alcuni casi, non rari, il quadro clinico è molto più sfumato e subdolo: piccoli fastidi come prurito o lievi bruciori riferiti alla punta del pene e all’uretra. Questi sintomi vengono spesso erroneamente attribuiti a prostatiti croniche abatteriche e trattate, pertanto, con cure mediche non corrette."

E' quindi un po come nel mio caso, senza dolore alla minzione e fuoriuscita di liquidi?

Ma come ha ben detto lei cercherò di indagare chiedendo ad un Urologo o Venereologo.

Vi ringrazio ancora.

Tex83
Messaggi: 9352
Iscritto il: 11 gennaio 2010, 17:42
Località: Piacenza

Re: Ho molta paura

Messaggio da Tex83 » 4 maggio 2021, 17:46

La valutazione non cambia: nessun rischio per HIV.
Faccia uno screening annualmente se ha rapporti occasionali.
Non esiste sito o forum che possa far diagnosi a distanza: solo lei sa se avverte sintomi o sono impressioni.
La prego sì di non descrivere ulteriormente la cosa perchè è chiarissima!
Sostieni Anlaids con il tuo 5X1000
Inserisci il codice fiscale 07175880587 nella tua dichiarazione dei redditi

Rispondi