POLIZZE VITA IN CASO DI AIDS

Spazio contenente comunicazioni 'da' e 'per' l'Associazione.

Moderatori: dottor_Baldasso, AnlaidsOnlus, ANLAIDS

POLIZZE VITA IN CASO DI AIDS

Messaggioda Spes75 » 14 novembre 2012, 15:56

Salve, vorrei raccontare questo caso, nella speranza che qualcuno che ha avuto un'esperienza simile, possa eventualmente darmi qualche consiglio o suggerimento. Sono iscritto a questo forum dalla primavera del 2011, quando ho perso il mio compagno per aids. Non racconto di nuovo la sua storia, perchè l'ho già fatto su questo forum e sarebbe solo rinnovare un dolore che non avrà mai fine. Lui aveva stipulato nel 2010 una polizza vita indicando come i beneficiari i genitori...alla sua morte è stata aperta la pratica assicurativa ma la polizza esclude la copertura "qualora il decesso dell'Assicurato avvenga entro i primi 5 anni dalla data di decorrenza del contratto e sia dovuta ad Aids o ad altra patologia ad essa collegata".
Trovo ingiusta e gravemente discriminatoria tale causa di esclusione, che non credo sia dettata da ragioni medico-scientifiche , ma solo ed esclusivamente morali, tese a colpevolizzare chi per sua disgrazia ha contratto l'hiv. Premesso che nel caso di specie nè io nè i familiari del mio compagno sapevamo che lui ne fosse affetto, ma credo che neppure lui lo sapesse, mi domando se è possibile impugnare come illegittima e vessatoria una simile clausola davanti ad un Tribunale. Infatti, la cosa paradossale ed inaccettabile è che se fosse venuto a mancare per un tumore , non ci sarebbe stata tale limitazione. Per esempio Non è detto ,infatti, che una persona sappia di avere un tumore (anzi, ahimè, nella maggior parte dei casi nessuno lo sa), per cui ben potrebbe contrarre la polizia e morire l'anno dopo per quel tumore. Nulla verrebbe eccepito in questo caso. In caso di aids sì. E' ingiusto e discriminatorio. Vorrei che qualcuno, informato, mi desse notizie utili per rendere giustizia a chi, come lui, non ha scelto certo deliberatamente di morire di aids e a quanti come lui si trovano in questa situazione, perchè questa clausola esclusiva è contenuta in quasi tutti i contratti assicurativi. Grazie
Spes75
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 30 aprile 2011, 23:00

Re: POLIZZE VITA IN CASO DI AIDS

Messaggioda Qiang-shen-gong » 14 novembre 2012, 17:02

Spes75 ha scritto:
> Salve, vorrei raccontare questo caso, nella speranza che qualcuno che ha
> avuto un'esperienza simile, possa eventualmente darmi qualche consiglio o
> suggerimento. Sono iscritto a questo forum dalla primavera del 2011, quando
> ho perso il mio compagno per aids. Non racconto di nuovo la sua storia,
> perchè l'ho già fatto su questo forum e sarebbe solo rinnovare un dolore
> che non avrà mai fine. Lui aveva stipulato nel 2010 una polizza vita
> indicando come i beneficiari i genitori...alla sua morte è stata aperta la
> pratica assicurativa ma la polizza esclude la copertura "qualora il
> decesso dell'Assicurato avvenga entro i primi 5 anni dalla data di
> decorrenza del contratto e sia dovuta ad Aids o ad altra patologia ad essa
> collegata".
> Trovo ingiusta e gravemente discriminatoria tale causa di esclusione, che
> non credo sia dettata da ragioni medico-scientifiche , ma solo ed
> esclusivamente morali, tese a colpevolizzare chi per sua disgrazia ha
> contratto l'hiv. Premesso che nel caso di specie nè io nè i familiari del
> mio compagno sapevamo che lui ne fosse affetto, ma credo che neppure lui lo
> sapesse, mi domando se è possibile impugnare come illegittima e vessatoria
> una simile clausola davanti ad un Tribunale. Infatti, la cosa paradossale
> ed inaccettabile è che se fosse venuto a mancare per un tumore , non ci
> sarebbe stata tale limitazione. Per esempio Non è detto ,infatti, che una
> persona sappia di avere un tumore (anzi, ahimè, nella maggior parte dei
> casi nessuno lo sa), per cui ben potrebbe contrarre la polizia e morire
> l'anno dopo per quel tumore. Nulla verrebbe eccepito in questo caso. In
> caso di aids sì. E' ingiusto e discriminatorio. Vorrei che qualcuno,
> informato, mi desse notizie utili per rendere giustizia a chi, come lui,
> non ha scelto certo deliberatamente di morire di aids e a quanti come lui
> si trovano in questa situazione, perchè questa clausola esclusiva è
> contenuta in quasi tutti i contratti assicurativi. Grazie
Senti,con tutto l'affetto,ma un sieropositivo che conclude una polizza assicurativa in cui viene esplicitata l'Aids come vicenda risolutiva del contratto,mi pare paradossale per riprendere il tuo lessico.Se fosse vero quanto scrivi,ma credo che non sia andata cosi',c'e'la possibilita' di impugnare la parte contrattuale che riferisci,in via extracontrattuale.
Qiang-shen-gong
 
Messaggi: 1923
Iscritto il: 2 marzo 2012, 12:53

Re: POLIZZE VITA IN CASO DI AIDS

Messaggioda Spes75 » 14 novembre 2012, 23:25

Forse non mi sono spiegato bene,ma in sede contrattuale lui non ha dichiarato di essere sieropositivo perchè l'ha scoperto solo in aids conclamato
Spes75
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 30 aprile 2011, 23:00

Re: POLIZZE VITA IN CASO DI AIDS

Messaggioda Qiang-shen-gong » 15 novembre 2012, 1:04

Spes75 ha scritto:
> Forse non mi sono spiegato bene,ma in sede contrattuale lui non ha
> dichiarato di essere sieropositivo perchè l'ha scoperto solo in aids
> conclamato
Si ma un sieropositivo qualche sintomatologia l'ha.Non e'che una persona sanissima bello e buono va'in Aids e poi arriva al decesso.Capisci..per questo nn mi quadra il tuo discorso; quella clausola puo'tranquillamente essere impugnata perche'e'possibile cmq ovviare al 1341 c.c.Puoi contattare un Civilista specializzato nel ramo Assicurativo.Rimane una causa non particolarmente complessa,sempre se e'vero quanto scrivi.
Qiang-shen-gong
 
Messaggi: 1923
Iscritto il: 2 marzo 2012, 12:53

Re: POLIZZE VITA IN CASO DI AIDS

Messaggioda Spes75 » 16 novembre 2012, 23:50

Non sono un mitomane..per cui quello che scrivo è reale..cmq grazie per il consiglio
Spes75
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 30 aprile 2011, 23:00

POLIZZE VITA IN CASO DI AIDS

Messaggioda piccola » 25 novembre 2012, 19:06

Salve!Anche a noi è successo qualcosa di molto simile...per quanto riguarda una polizza vita legata ad un finanziamento...nel nostro caso abbiamo scoperto che la polizza esclude Aids o ad altra patologia ad essa collegata in tutti i casi (se avesse indicato entro i primi 5 anni dalla data di decorrenza del contratto avrebbe coperto, visto che il contratto era stato stipulato nel 2005!). Ora improvvisamente ci ritroviamo a dover pagare questo finanziamento...tra l'altro il defunto non ha lasciato nulla in eredità ma la finanziaria dice che si rifarà sulla pensione di reversibilità (la moglie è disoccupata e vive con una pensione di reversibilità di circa € 400,00 mensili!!!).
Sono d'accordo con Spes75...qualcuno sa se sono state pronunciate delle sentenze in merito?Grazie.
piccola
 
Messaggi: 1
Iscritto il: 25 novembre 2012, 1:07

Re: POLIZZE VITA IN CASO DI AIDS

Messaggioda Spes75 » 1 dicembre 2012, 17:34

Tranquillizzala..non possono proprio pignorarle nulla, perchè sono impignorabili le somme fino a 500 euro.Le finanziarie, senza scrupoli, non lo dicono chiaramente..quindi può non pagare affatto
Spes75
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 30 aprile 2011, 23:00

Re: POLIZZE VITA IN CASO DI AIDS

Messaggioda caramella » 9 marzo 2013, 22:33

Ciao spes75 mi ricordo perfettamente la tua storia e mi dispiace tantissimo x la perdita del tuo compagno...tra l altro ho da poco saputo che ad un mio amico hanno diagnosticato la leucoencefalopatia multifocale progressiva, jvc, anche se non sono certa che lui abbia compreso la gravita della cosa. Per cio che riguarda l assicurazione trovo che la clausola che esclude decessi x hiv e patologie hiv correlate sia fortemente discriminatoria e ti consiglio di consultare un legale magari di qualche associazione come anlaids, nps (so x certo che nps ha un valido legale) o lila. In bocca al lupo e facci sapere. Baci, Caramella

P.s. Quiang she gong (ex rischihiv) trovo di cattivissimo gusto il tuo mettere in dubbio la veridicita delle testimonianze degli utenti, lo hai fatto con spes75 che invece ha attraversato un brutto petiodo e ha subito una grossa perdita e lo hai fatto anche con il ragazzo che ha raccontato di essersi infettato dal partner x rottura profilattico. A me questa cosa non sta bene, leggiti la testimonianza di spes, credo che come minimo gli devi delle scuse. Ciao
Immagine safe ***...use condom
caramella
 
Messaggi: 840
Iscritto il: 18 novembre 2011, 21:16

Re: POLIZZE VITA IN CASO DI AIDS

Messaggioda caramella » 9 marzo 2013, 22:39

Qiang-shen-gong ha scritto:
> Spes75 ha scritto:

> Si ma un sieropositivo qualche sintomatologia l'ha.Non e'che una persona sanissima
> bello e buono va'in Aids e poi arriva al decesso.Capisci..per questo nn mi quadra il
> tuo discorso; .Rimane una causa non particolarmente complessa,sempre se e'vero quanto
> scrivi.


Stai dicendo cose non vere. Perche secondo te e importante fare il test se si hanno avuti rapporti a rischio se non per scoprire l infezione al piu presto prima di essere in aids? Hai mai sentito parlare di soggetti asintomatici? Anche la nostra amica Alexandra ( scusa se ti tiro in ballo Ale) ha scoperto la malattia quando era in aids conclamato. Se non sai le cose prima di mettere in dubbio la parola di altri utenti e di dare info non vere informati. Ciao
Immagine safe ***...use condom
caramella
 
Messaggi: 840
Iscritto il: 18 novembre 2011, 21:16

Re: POLIZZE VITA IN CASO DI AIDS

Messaggioda Qiang-shen-gong » 12 marzo 2013, 1:36

caramella ha scritto:
> Qiang-shen-gong ha scritto:
> > Spes75 ha scritto:
>
> > Si ma un sieropositivo qualche sintomatologia l'ha.Non e'che una persona
> sanissima
> > bello e buono va'in Aids e poi arriva al decesso.Capisci..per questo nn mi
> quadra il
> > tuo discorso; .Rimane una causa non particolarmente complessa,sempre se e'vero
> quanto
> > scrivi.
>
>
> Stai dicendo cose non vere. Perche secondo te e importante fare il test se si hanno
> avuti rapporti a rischio se non per scoprire l infezione al piu presto prima di
> essere in aids? Hai mai sentito parlare di soggetti asintomatici? Anche la nostra
> amica Alexandra ( scusa se ti tiro in ballo Ale) ha scoperto la malattia quando era
> in aids conclamato. Se non sai le cose prima di mettere in dubbio la parola di altri
> utenti e di dare info non vere informati. Ciao
Un soggetto che finisce in Aids,non puo'essere asintomatico.Ma e'in re ipsa.L'immunodeficienza produce una sintomatologia,altrimenti di che staremmo a parlare.Il discorso affrontato con Spes e'diverso ed e'di natura psichica.L'hiv puo'essere asintomatica,ma un'immunodeficienza no.Prima di finire in Aids terminale,hai delle evidenze.La riduzione repentina dei cd4 produce quasi sempre sintomatologie a carico polmonare,del derma,a livello linfatico.Se un soggetto si sveglia la mattina e muore in Aids senza segnali,personalmente ritengo sia un evento improponibile.Non ho mai visto una persona che dalla sera alla mattina scopre l'Aids e muore.Possono esserci forme fulminanti,ma..a parte la statistica poco felice in tal senso,dei segnali ci sono,in luogo di un procedere delle repliche.Anche perche'per morire..beh..deve esserci per forza un complesso di insiemi che portano poi ad un aggravamento non piu'gestibile.Alexandra ha scoperto l'Hiv in base ad una errata valutazione dei suoi sintomi,inquadrati come lupus sistemico.La malattia e'finita in Aids conclamato,proprio per un'errata valutazione dei segnali.Ma stai certo che un sieropositivo che ha un abbassamento dei cd4,la sintomatologia ce l'ha.L'Aids nasce cosi',nn e'che piova dal nulla.Il senso del mio discorso era questo:di nn far passare che un soggetto perfettamente sano,si svegli una mattina e muore di Aids.Perche nn e'cosi'.E l'ho scritto vista l'enorme mole di ipocondriaci nel forum.Nel caso di Spes,il discorso e'piu'complesso;ho sostenuto che un soggetto puo'essere libero di non trattare l'Hiv.Come e'possibile per un diabetico non amputare un arto.O che uno schizofrenico non prenda antipsicotici.E'una scelta personale e nn e'giudicabile.La coazione,in luogo di assenza di rischi collettivi,nn e'ipotizzabile.Nn ritengo abbia senso confondere l'amore con il controllo su chi ami;se una persona a cui vuoi bene,decide di nn voler curare la sua malattia,nn puoi constringerla ne'puoi ritornare sull'evento leggendolo con gli occhi della colpa personale.E'una sua scelta possibile.Punto.Farsi coinvolgere non e'amore.E'controllo psichico su un altro.Per il resto,nn ritengo opportuno risponderti sul piano personale.Nn ne ho bisogno.Probabilmente sei abituata a funzionare cosi'.Ho scritto qui sopra fiumi di risposte sull'Hiv.Quando conoscero'una persona sana che si sveglia una mattina con un mal di testa e poi muore il giorno dopo in Aids,te lo faro'sapere.Al momento..mai visto.L'Immunodeficienza per forza produce sintomi.E'in re ipsa.Non si muore dall'oggi al domani di Aids.L'hiv e'un agente virale che nel tempo,in luogo di un abbassamento delle risposte linfocitarie,produce una condizione di ummunodeficienza cronica che Espone a evidenti sintomatologie a carico sistemico.Non piove dal nulla e non e'un Male oscuro.I segnali ci sono.Poi nn coglierli e'n'ata storia.Ma l'encefalopatia togliti dalla testa che viene cosi'dal nulla,perche'nn e'cosi'.E'una possibilita'(nemmeno cosi'comune)in un quadro sistemico debilitato.Stop.Ci puo'stare,ma nn facciamo passare il messaggio che un soggetto oggi sta'bene e dopodomani muore in Aids.Perche'nn e'cosi'.Questo era il senso ed e'il senso del mio discorso.Non colgo nemmeno il senso del test.Chi ha contatti a rischio,puo'effettuare un test hiv a 30 e a 90 giorni.Ha senso in chiave preventiva del Male.Ma questo cosa avrebbe a che vedere con chi nn vuole curarsi?Non vedo il nesso eziologico.Non mi curo..ed e'ovvio che andro'in contro ad una immunodeficienza cronica che mi esporra'a infezioni occasionali potenzialmente mortali.Non colgo il senso di quello che vuoi scrivermi.
Qiang-shen-gong
 
Messaggi: 1923
Iscritto il: 2 marzo 2012, 12:53

Re: POLIZZE VITA IN CASO DI AIDS

Messaggioda Spes75 » 20 marzo 2013, 1:58

ti saluto anch'io Caramella...un abbraccio...per fortuna ci sono anche persone dolci e affettuose come te...
Spes75
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 30 aprile 2011, 23:00

Re: POLIZZE VITA IN CASO DI AIDS

Messaggioda Qiang-shen-gong » 23 marzo 2013, 17:40

Spes75 ha scritto:
> ti saluto anch'io Caramella...un abbraccio...per fortuna ci sono anche
> persone dolci e affettuose come te...
E tu come lo sai?Forse perche'sostiene che l'Aids e'asintomatico e decedi senza accorgertene?Se fosse cosi'...beh,riguarderei con maggiore attenzione lo sguardo che hai sul mondo.
Qiang-shen-gong
 
Messaggi: 1923
Iscritto il: 2 marzo 2012, 12:53

Re: POLIZZE VITA IN CASO DI AIDS

Messaggioda Spes75 » 28 marzo 2013, 20:41

Mi collego raramente a questo forum, e ognivolta ci sono ovunque i tuoi interventi a qualunque ora, su qualunque argomento...evidentemente è il tuo lavoro.. Una specie, direi, di Signorini del forum.Ciò premesso, non ci conosciamo per cui gradirei non esprimessi "giudizi" sulla mia persona
Spes75
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 30 aprile 2011, 23:00

Re: POLIZZE VITA IN CASO DI AIDS

Messaggioda caramella » 29 marzo 2013, 16:20

Qiang-shen-gong ha scritto:
> Spes75 ha scritto:
> > ti saluto anch'io Caramella...un abbraccio...per fortuna ci sono anche
> > persone dolci e affettuose come te...
> E tu come lo sai?Forse perche'sostiene che l'Aids e'asintomatico e decedi senza
> accorgertene?Se fosse cosi'...beh,riguarderei con maggiore attenzione lo sguardo che
> hai sul mondo.

A parte che io ho detto che ci sn xsone che putroppo scoprono la sieropositivita quando sn ormai in aids conclamato, magari proprio a seguito di n ricovero xke nn si erano testati prima e nn erano stati male o cmq essendo la sintomantologia aspecifica nn sempre si pensa all hiv. Ti ho fatto l esempio di alex se ricordi le diagnosticarono il lupus invece dell aids somministrandole immunosoppressori che hanno solo favorito il decorso piu rapido della malattia.
Dici un sacco di cazzate quiang e come sempre decontestualizzi le frasi a tuo uso e consumo. Io nn ho scritto che chi e' in aids decede senza accorgersene ma ti faccio notare che ci sono persone che sn state asintomatiche anche una decina d anni e poi si sn conclamate nel giro di una settimana...e nn tutti hanno avuto la fortuna di riprendersi. Come saprai la diagnosi di aids viene fatta se hai almeno una o due patologie hiv correlate, magari fino a ieri eri un semplice hiv asintomatico poi ti pigli una
Polmonite carinii e addio. (anche no ma tanto x farti un esempio papale paoale)Tra l altro il jvc il virus contratto dal compagno di spes puo restare latente tanto tempo e scatenarsi appena si abbassano le difese immunitarie, una persona a me cara sta lottando proprio contro qsto il jvc che era rimasto latente ed e' esploso all improvviso. Ma io xke perdo tempo a risponderti, del resto dopo un intervento che ho scritto due anni fa mi hai detto che da quello denotavi un rapporto conflittuale con la mia famiglia, x me il rapporto conflittuale ce l hai te col tuo cervello.
Ultima modifica di caramella il 29 marzo 2013, 16:32, modificato 1 volta in totale.
Immagine safe ***...use condom
caramella
 
Messaggi: 840
Iscritto il: 18 novembre 2011, 21:16

Re: POLIZZE VITA IN CASO DI AIDS

Messaggioda caramella » 29 marzo 2013, 16:27

Spes75 ha scritto:
> Mi collego raramente a questo forum, e ognivolta ci sono ovunque i tuoi
> interventi a qualunque ora, su qualunque argomento...evidentemente è il tuo
> lavoro.. Una specie, direi, di Signorini del forum.Ciò premesso, non ci
> conosciamo per cui gradirei non esprimessi "giudizi" sulla mia
> persona


Sei un mito Spes e ti leggo sempre volentieri. Anche io capito poco sul forum ormai ma ogni tanto mi fa piacere venirci xke ci sn utenti a cui sn affezionata e cn cui sn nati rapporti di amicizia reali e con qualche persona ci siamo anche visti nella realta'. spero che tu stia meglio e che ti sia tornato il sorriso anche se capisco che e' difficile e il vuoto e' enorme purtroppo il tempo attenua il dolore ma nn lo cancella. Spero di rileggerti presto un abbraccio
Immagine safe ***...use condom
caramella
 
Messaggi: 840
Iscritto il: 18 novembre 2011, 21:16

Prossimo

Torna a ANLAIDS

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite