panico(quasi)totale

Area dedicata allo scambio di notizie ed informazioni sul mondo dell'AIDS/HIV: il virus, come agisce sull'organismo, la sieropositività, consigli utili per la prevenzione ed altre informazioni.

Moderatori: AnlaidsOnlus, ANLAIDS, Claudia Balotta

Regole del forum
REGOLE DEL FORUM
IL FORUM SI OCCUPA PRINCIPALMENTE DI PREVENZIONEDELLA TRASMISSIONE DELL’INFEZIONE DA HIV.
LA PRIMA REGOLA E’ LA LETTURA DELLE REGOLE A CUI ATTENERSI RIGOROSAMENTE. IN CASO CONTRARIO I MESSAGGI POTRANNO NON AVERE RISPOSTA.
L'UNICO REFERENTE SCIENTIFICO DEL FORUM È LA DOTT.SSA CLAUDIA BALOTTA. PUR APPREZZANDO IL FATTO CHE MOLTI UTENTI VOGLIANO RENDERSI UTILI RISPONDENDO AD ALCUNI QUESITI,DOBBIAMO RIBADIRE CHE LE UNICHE RISPOSTE ATTENDIBILI SCIENTIFICAMENTE SONO QUELLE DATE DAL MEDICO.
IL MEDICO RISPONDE IN MEDIA OGNI DUE/TRE GIORNI. IL FORUM NON PUO' AVERE CARATTERE DI URGENZA, SI PREGA QUINDI DI NON POSTARE CONTINUI SOLLECITI.
PER LO STESSO MOTIVO, SI PREGA DI NON INVIARE AL MEDICO MESSAGGI PRIVATI CONTENENTI LE STESSE DOMANDE FATTE IN PUBBLICO E/O SOLLECITI.
PER OTTIMIZZARE IL LAVORO DEL MEDICO, SI PREGA DI SINTETIZZARE QUANTO PIÙ È POSSIBILE: POST ESAGERATAMENTE LUNGHI SONO DI DIFFICILE LETTURA E TOLGONO TEMPO AD ALTRE RISPOSTE.
IL FORUM NON E' UNA CHAT: UNA VOLTA AVUTA RISPOSTA SI PREGA DI EVITARE ULTERIORI DOMANDE E/O PRECISAZIONI:L'ELEVATO NUMERO DI MESSAGGI POTREBBE IMPEDIRE DI DARE A TUTTI UNA RISPOSTA.
QUANDO LA DOTTORESSA DICE "NESSUN RISCHIO" È OVVIO CHE HA FATTO UNA VALUTAZIONE GLOBALE DEL RISCHIO E CHE IN QUEL CASO IL TEST NON È NECESSARIO.
INOLTRE, VIENE SEMPRE RIBADITO CHE I 'SINTOMI' DELL'INFEZIONE DA HIV SONO COMUNI A MOLTE ALTRE PATOLOGIE INFETTIVE DI NATURA VIRALE O BATTERICA E CHE MOLTO SPESSO NON È UTILE RAGIONARE SU SINTOMI GENERICI BENSÌ SUI RISCHI CONCRETI CHE SI SONO CORSI.
IN OGNI CASO, IL FORUM NON PUÒ ASSOLUTAMENTE SOSTITUIRSI AD UN COLLOQUIO O VISITA PERSONALE, SI PREGA QUINDI DI NON POSTARE ANALISI O DESCRIVERE DETTAGLIATAMENTE DISTURBI E SINTOMI. ANALOGAMENTE NON SARANNO PRESE IN CONSIDERAZIONE IMMAGINI E FOTOGRAFIE.
POSTARE LA STESSA DOMANDA SIA NELLA SEZIONE AIDS E HIV, SIA NELLA SEZIONE TEST È PROFONDAMENTE SCORRETTO IN QUANTO OCCUPA INUTILMENTE IL TEMPO LIMITATO DI ENTRAMBI I MEDICI, TOGLIENDOLO AD ALTRE RISPOSTE.
GLI UTENTI CHE RIPETERANNO QUESTO COMPORTAMENTO VERRANNO BANNATI.
SI RICORDA CHE PER CONSULTI MEDICI APPROFONDITI ESISTONO NUMEROSE STRUTTURE PUBBLICHE E PRIVATE CUI RIVOLGERSI.

Re: panico(quasi)totale

Messaggioda Qiang-shen-gong » 2 luglio 2012, 16:46

napoletana85 ha scritto:
> caro qiang tu pensi ke a letto ti accorgerai ke la tua compagna o fidanzata
> ti tradisce o no,ma ti sbagli di grosso nel cuore di una donna ci sono
> mille segreti ke un uomo nn saprà mai...quindi se tu pensi ke kosi lo
> scoprirai fidati ke avrai korna x tutta la vita :mrgreen: :mrgreen: ric a
> verità la napoletana ke ti ha tradito vedo ke ti ha rimasto il segno
> ahahahha
Beh la napoletana che mi ha messo le corna in realta'ha fatto cmq del suo meglio.Se invece di pensare all'esame di diritto commerciale,avessi volto lo sguardo alla mia relazione mi sarei accorto che ci vedevamo poco,stavamo insieme poco e tutto sommato...non ci divertivamo insieme.Invece di percepire i segnali suoi e i miei,beh..pensavo all'Universita' e s'e'visto come e'andata ..a 90 e'andata a finire..ecco...
Qiang-shen-gong
 

Re: panico(quasi)totale

Messaggioda Qiang-shen-gong » 2 luglio 2012, 16:56

beSafer ha scritto:
> Qiang-shen-gong ha scritto:
> > Una curiosita'mia,ma il senso di questa operazione qual'era?Il piacere
> e'piacere,ci
> > mancherebbe.Ma,contrariamente a cio'che pensano molti,il piacere va'a braccetto
> con
> > il benessere personale.Avere una sessualita'come questa che hai raccontato
> significa
> > che hai una visione parziale di te.L'hiv te lo ricorda,con il suo spauracchio.Se
> ci
> > penso,un errore enorme che commettono i virologi e'proprio quello di confondere
> il
> > piacere con il dovere di proteggersi.Se ti diverti troppo,rischi.Ma chi lo
> > dice?Proteggiti non fare lo stupido!In realta'il piacere profondo nasce da un
> > incontro tra uomo e donna che non c'e'ne'in chi fa del sesso occasionale,ne'in
> chi si
> > dirige da escort.L'immagine della bellissima donna che si concede e'una visione
> > astratta che nulla dice di cosa provi tu e di cosa prova Lei.E'piuttosto una
> risposta
> > che ti dai come uomo,in base a come tu ti percepisci nel tuo
> dirigerti.Onestamente la
> > fisicita'non e'una dinamica preconfezionata;non e'un caso che la prostituzione
> > incroci uomini che hanno una percezione di se' incompatibile con i propri
> > desiderata.La vera liberta'sta nel poter scegliere senza vizi di origine..ormai
> son
> > solo,sono brutto,ho perso il lavoro,la famiglia mi ha lasciato,sono sfigato,non
> posso
> > stare con una donna bella..etc etc..tutti slogan negativi che producono reazioni
> che
> > apparentemente danno piacere o ripetitivita'nella sessualita',in realta'altro
> non
> > sono che risposte a noi stessi.Il sesso a pagamento produce comportamenti
> > ritualistici..ogni donna produce un protocollo fisso,in cui la variabile
> puo'essere
> > il rischio fortuito o come nel tuo caso desiderato in modo inconsapevole.Ma che
> senso
> > ha per te rischiare una patologia kmq importante?Pensi che il piacere non possa
> > produrre gioia,condivisione e progettualita'?Non ci credo..dipende tutto da come
> tu
> > ti percepisci come uomo rispetto alla femminilita'.Recupera chi sei e senza
> > aggredirti,non rischierai mai piu' niente!Il tuo test e'molto rassicurante,ma
> > ricordati di indagare su come sei finito a muoverti cosi'.Lo sai solo tu.E nn
> e'una
> > sciocchezza,come scrivono molte associazioni..e'una risposta possibile ad una
> tua
> > domanda interna molto importante:cosa voglio per me?Il mio meglio e'questo?E se
> > e'si,qual'e'il senso di questa operazione?Risponditi..mi raccomando..
>
>
> Quello che scrivi è interessante, ma condivisibile fino ad un certo punto. Al di là
> della sottovalutazione del rischio, che dovrebbe essere sempre considerato, a
> prescindere dal partner con il quale si hanno rapporti sessuali, che sia la tua
> ragazza o una prostituta poco cambia. La promiscuità e le avventure facili sono ormai
> prassi comune, soprattutto tra i giovani, i quali tra l'altro sono anche parecchio
> ignoranti (per onor del vero, non solo i giovani) in merito ai meccanismi di
> trasmissione delle MST. Io parto dal presupposto che l'essere umano non è per sua
> natura monogamo. La monogamia piuttosto che naturale è un risultato culturale, atto a
> sviluppare la società umana così come la conosciamo, dove la famiglia acquisisce un
> ruolo fondamentale nello strutturare la società. Non mi dilungherò su come la
> tecnologia prima, la rivoluzione sessuale ed il femminismo dopo, siano state la causa
> della crisi dei valori famigliari patriarcali e dunque della famiglia stessa. In ogni
> modo il sesso a pagamento esisteva anche quando quei valori erano ben più radicati,
> ma la liberazìone sessuale di stampo bigotto-repressivo-femminista, non ha fatto
> altro che contribuire ad alimentare la dipendenza del maschio nei confronti del corpo
> femminile.
>
> La negazione di una sessualità/sensualità maschile e la contemporanea sollecitazione
> sensoriale/sessuale attraverso i mezzi di comunicazione di massa hanno portato ad
> una situazione contraddittoria e schizofrenica, innescata attraverso l'atteggiamento
> dissimulatorio della donna 'liberata', complice in realtà del sistema di potere
> capitalistico, quello stesso sistema che la popolazione sta pagando in termini di
> 'crisi' economica, ma che in realtà altro non è che una 'guerra' economica dichiarata
> dal potere finanziario/capitalista nei confronti delle classi subalterne.
> Attualmente, la sessualità è uno strumento di controllo del potere esercitato dalle
> caste dominanti, complice la pseudo-cultura femminista. In pratica tutto ciò ha
> generato una massa sempre più crescente di giovani uomini trattati come 'scarto'
> dalla sempre più esigente selezione femminile.
>
> Quegli stessi uomini, solo 40 anni fa avrebbero goduto di una forte probabilità di
> successo in termini di 'mating', perchè la loro forza contrattuale era maggiore
> rispetto ad oggi. In passato sarebbe stato sufficiente avere un lavoro con uno
> stipendio modesto e possedere le caratteristiche del buon padre di famiglia. Oggi
> tutto questo è irrilevante, anzi uomini con queste caratteristiche sono perlopiù
> ignorati se non derisi dalla maggior parte delle donne. Aggiungiamo poi che la
> sessualità maschile è tendenzialmente portata a quella che tu chiami ripetizione o
> rito. Si tratta solo della differenza fisiologica tra uomo e donna, anche questa
> negata dal femminismo. La donna ha esigenze sessuali differenti che non sono legate
> alla frequenza/numero dei rapporti come negli uomini. Parla con qualsiasi
> professionista e ti confermerà questa cosa. La società femminilizata odierna non
> vuole che se ne parli perchè il suo obiettivo è rendere servili quegli uomini.
>
> Tornando al perchè un uomo sceglie rapporti occasionali e/o mercenari piuttosto che
> trovarsi una compagna per la vita, è evidente che la maggior parte è impossibilitato
> da una serie di fattori, alcuni dei quali ho cercato di spiegare qui sopra. Se poi un
> uomo deve elemosinare la considerazione di una donna, per di più neanche attraente, e
> poi sentirsi rifiutare come un appestato, è normale che dopo si cerchi delle
> alternative più appaganti e che lo facciano sentire un uomo vivo. Tutto il resto a me
> sembrano soltanto elucubrazioni mentali lontane dagli aspetti più pragmatici della
> vita, che sono quelli che realmente contano.
Ho letto l'esegesi dell'Uomo moderno e post moderno.Ok ma che senso ha con te?Tutto cio'che e'perdita di contatto con il proprio punto di vista personalissimo e'una perdita di contatto.Gli uomini come le donne non esistono come categorie.Diventano categorie all'interno di studi..scientifici,sociologici..con tutti i limiti di essi.Un'analisi sull'uomo degli anni 40 ha dei limiti dettati dal momento di chi guarda;come uno studio scientifico ha dei limiti..il punto e'che io come persona se mi percepisco tale,che bisogno ho di affidare il senso della mia vita ad una generalizzazione?Io desidero quella donna..la gusto per il fatto di aver posato il mio sguardo su di lei.Finalizzare la sessualita'e'una possibilita'..ma nn dipende necessariamente da fattori generalistici(soldi,auto,fisico..etc etc)ma da cosa comunichi a quella donna e cosa quella donna percepisce con te.Lo sguardo non e'un caso..ovattare con categorie e analisi chi sono,beh..ma a che mi serve?Io voglio essere libero con la persona che mi piace..e se mi piace come donna,ne cogliero'il suo scegliermi..come?Dalle sensazioni che ci concediamo..Questo e'per me scegliere una ragazza.Poi potra'essere fonte di studi sociologici,ma..problemi di chi sceglie di analizzare le emozioni dei mortali..
Qiang-shen-gong
 

Re: panico(quasi)totale

Messaggioda Qiang-shen-gong » 2 luglio 2012, 18:58

Beh Caro Be-safer,leggendoti sono tornato indietro al Liceo.Mi hai ricordato il pensiero di un Giovanissimo Hegel.Pochi hanno letto Hegel nei primi anni.In sostanza scriveva allo stesso modo tuo.Direi che il Matrimonio puo'essere letto come contratto..pero'ti assicuro che esiste una scuola di pensiero che lo interpreta come atto unilaterale di natura recettizia.La verita'come scrivi giustamente tu non esiste,ma esiste la mia verita'che e'la sensazione.Generalizzare e'un'attitudine umana che ha un senso nel fare,poco o niente nello scegliere.Se ti chiedessi,come spesso faccio..saber tra un panino e un bicchiere d'acqua cosa scegli?Potresti rispondermi dicendo che il panino se ha del salame potrebbe contenere dei nitrati che in relazione a certi altri alimenti potrebbero sviluppare nitrossammine che a sua volta,sebbene nn ci sia unanimita',potrebbero produrre cancerogenesi o danni a livello pancreatico ..e ancora che l'acqua se imbustata in bottiglia di plastica non puo'avere i contenuti organolettici delle analisi esposte sulla confezione o che l'acqua dell'acquedotto contiene cloro..ma sono tutte risposte che non colgono il vero senso..della domanda:HAI FAME?O HAI SETE?Ecco qual'e'il difetto del ragionamento.Produce operazioni mentali pregevoli,ma non coglie il senso della direzione.Se io desidero stare con una donna o sento il bisogno di condividere una parte di me con una donna,che senso avrebbe decodificare il mio sentire con messaggi del tipo..SONO TUTTE MESCHINE E IPOCRITE?Il bisogno rimane la'..l'importante e'invece esser presenti rispetto a se stessi secondo me..io posso scegliere qualsiasi donna del Globo,ma il senso e'che ho bisogno di sentire le mie scelte e di percepire con la mia compagna la gioia di starle accanto;e'la persona che se crede in se stessa,smuove e apre cio'che ha intorno.Se questo non c'e',puoi chiederti..come mai;non occorre scomodare Hegel o l'analisi razionale..ma ci si puo'piu'facilmente chiedersi..Ehi,ma come mai non riesco a dare profitto a cio'che sento?Tra me uomo e il mondo,cos'e'che non va'?Le donne sono meschine...i soldi sono tutto,la gente fa'schifo..ok,ma ammettiamo pure che sia cosi',ma che senso ha dirselo?Scopri il mondo che vuoi per te..con occhi da bambino.Hai mai visto un bambino?Tocca,si dirige...rincorre il mondo,senza aggrapparsi a nessuno slogan.E'ingenuo?Non credo..piange quando qualcosa non va'.Non e'un caso che stai scrivendo con me?In un certo senso ci siamo scelti e siamo entrati in contatto...motivo?Piacere.Piacere di dialogare..rispetto alla percezione sul mondo;il mondo e'molto meno complicato di quanto si pensi..basta percepire le sensazioni e impegnarsi per esse..il senso e'quello li',secondo me..poi puo'darsi che sbagli..ma avere il proprio punto di vista,emozionalmente vivo,consente di accudirsi cmq..anche davanti ad un fatto oggettivamente duro..Credici nelle emozioni e dirigiti dve senti..nel mondo ci sono donne che volentieri ti sceglierebbero senza categorie in testa..per cio'che sei.Auguri..
Qiang-shen-gong
 

Re: panico(quasi)totale

Messaggioda Qiang-shen-gong » 3 luglio 2012, 8:08

E'un piacere anche per me dialogare con te.Sai tornando al discorso della sete e della fame,concordo che c'e'poi una fattibilita'.Pero'c'e'un punto o elemento che secondo me e'essenziale..la consapevolezza.Se sento di aver sete e mi adopero materialmente al mio bisogno,anche l'urina sarebbe cmq una scelta appagante;senza di essa,morireri.Quando non percepisco la mia scelta e mi rimane l'amaro in bocca,beh..vuol dire che manca la mia consapevolezza nell'agire.Mi spiego..se mi fermassi a dire,ehi sto bevendo urina!Mi sentirei male..ma se percepissi che in quel preciso momento l'urina e'la mia scelta migliore possibile,beh..non penserei troppo a definirla sgradevole,ma una possibilita'concreta per vivere.Quando scrivi produci ragionamenti su ragionamenti,a tratti una sorte di critica verso l'altro.Potresti anche non averne bisogno,sai.Anche su questo forum e'capitato che la nostra dott.ssa,pregevole medico,prendesse qualche svista tipicamente scientifica nel rinchiudersi nelle categorie preconfezionate da altri.Come?Invece di guardare all'evento in se',si rannicchiava in comodi e rassicuranti statistiche scientifiche.L'hiv non si prende un po'per volta e i libri non raccontano il tuo evento personalissimo.Stessa cosa succede con le generalizzazioni..c'e'un femminismo imperante..ok,ma chi lo dice?E che senso avrebbe dirselo?E'un po'come smettere di essere in contatto con se stessi e fissare inconsapevolmente con occhio critico un aspetto del Mondo.Il Mondo rimarra'cmq quello la'..quello che cambia potrebbe essere la propria prospettiva.Dietro il femminismo,potrebbe esserci dell'altro..insicurezza,risposta a certi odiosi comportamenti maschili,etc etc..;stessa cosa dicasi del maschilismo.E'certo che gli uomini non sono come le donne sul piano biologico e meno male(Churcill disse Hurraaa,with little difference e tutti a Ridere nella Camera dei Comuni :mrgreen: ),ma generalizzare sulle donne piu'che guardare alla singola donna che hai davanti,beh...mi sa di perdita di contatto.Puoi chiederti come l'hai incontrata,come mai ti ha emozionato una donna arida o ipocrita,chi e'per te una donna ipocrita(chi non e'come deve essere?)come ti sentivi come uomo,che senso aveva per te cercare chi non era interessato a te..insomma tutte domande che ti fanno recuperare il senso della tua direzione.Se fai squadra per te stesso,la crisi economica,le donne arriviste,l'assenza di valori,la violenza per strada o l'inquinamento ambientale...saranno aspetti probabilmente verosimili che pero'nulla hanno a che vedere con la tua personale consapevolezza e con il tuo sguardo sul mondo.Agire per se' produce piacere personale;sforzarsi per i propri bisogni produce una sicurezza e una fiducia nel mondo appaganti,indipendentemente dai risultati finali..URINA DOCET..Senza quella..l'opzione e'la morte.. :mrgreen:
Qiang-shen-gong
 

Re: panico(quasi)totale

Messaggioda Qiang-shen-gong » 3 luglio 2012, 15:20

Questa onestamente non l'ho capita,sai..se non ci fosse stata l'emozionalita'nel mondo,probabilmente saremmo rimasti all'eta della pietra,il che non vuol dire che necessariamente sia un male e'..Cio'che ha permesso il passaggio alla Ruota e'stata l'intuizione personale,il bisogno di posare lo sguardo in chiave personale...ed emozionale.Una cosa e'guardare il mondo da punti di vista sociologici,una cosa e'dirigersi nel Mondo.La tua vita e'un fatto personale o pensi che sei una categoria?Questo modo di percepire il mondo che hai e'tipico degli occidentali.In Oriente insegnano la reciprocita'con il mondo,piu'che l'astrazione.Se volgo lo sguardo al mio godimento,beh significa che sto sulla buona strada.La cosa giusta non esiste;ma quella appagante si..la senti.In base a cio'che realizzi nel corso della vita,se sei libero da generalizzazioni di massima,forse potrai anche goderti un caffe'.Il 90%delle persone che conosco non si consente di godersi una tazzina di caffe',una passeggiata..si astrae proprio come fai tu..essere ovunque fuorche'nel qui ed ora.Cerchi un lavoro?E invece di cercarlo..non c'e'lavoro,c'e'crisi,nn c'e'futuro..cerchi una donna?Sono meschine,cercano soldi,sono prostitute..Vuoi un figlio?Aeeeeeee con quello che costa..Studi per specializzarti?AEEEEEEEE E CHE TI SERVE..Questo modo di interagire critico e'una forma di controllo pericolosissima per la persona.In realta',indipendentemente dai risultati,io mi godo me stesso nell'oggi,senza bisogno di criticare gli altri e me stesso..non mi serve...io cerco le emozioni e le sensazioni..ribadisco,se son nel deserto e c'e'solo urina,io mi gustero'cmq la mia scelta...e'vita..e se le mie scelte mi portano a soffrire,posso rivederle e chiedermi come ho scelto per me..senza scomodare studi di carattere macroeconomico,sociologico o peggio ancora etico..La mia vita e'qualcosa di molto personale per me..e io su di me ne so piu'di tutti..basta ricordarselo...
Qiang-shen-gong
 

Re: panico(quasi)totale

Messaggioda freddy1986 » 10 luglio 2012, 11:57

salve ragazzi,oggi ho ritirato il risultato delle analisi:
A.ANTI.HIV1/HIV2 ASSENTI ASSENTI(VALORI DI RIFERIMENTO)
la metodologia utilizzata è:Immunocromatografia fasesottile(Card).Per me è un qualcosa di assolutamente sconosciuto,di che si tratta?
freddy1986
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 29 giugno 2012, 13:53

Re: panico(quasi)totale

Messaggioda dott.ssa_Cattelan » 10 luglio 2012, 16:13

freddy1986 ha scritto:
> salve ragazzi,oggi ho ritirato il risultato delle analisi:
> A.ANTI.HIV1/HIV2 ASSENTI ASSENTI(VALORI DI RIFERIMENTO)
> la metodologia utilizzata è:Immunocromatografia fasesottile(Card).Per me è
> un qualcosa di assolutamente sconosciuto,di che si tratta?

caro freddy1986, è una delle tecniche utlizzate per rilevare la presenza degli anticorpi anti HIV. Saluti!
dott.ssa_Cattelan
 
Messaggi: 1000
Iscritto il: 2 luglio 2012, 16:32

Re: panico(quasi)totale

Messaggioda nedo.nadi » 11 luglio 2012, 10:05

Caro Freddy concordo. Non ti devi (non ci dobbiamo) vergognare di cercare soddisfazioni sessuali con delle "prostitute". L'importante è il tipo di rapporto che si instaura. Ovviamente non sto parlando di quelle povere disgraziate gettate ai bordi di una statale e tenute là a suon di ceffoni. Quelle sono solo povere vittime di violenza e non hanno certo scelto di fare "il mestiere". Io ho conosciuto (e conosco) "prostitute" che sono bellissime persone dentro e fuori. Non vedo perchè dovrei vergognarmi di frequentarle e scambiarci attimi di serenità. Il fatto che questo servizio sia retribuito è una libera scelta sia "di vende e sia di chi compra". L'unica cosa di cui dobbiamo realmente preoccuparci è di quali siano i rischi REALI di malattie sessualmente trasmettibili e prendere le dovute precauzioni. Se penso che per anni ho pensato che il cunnilingus non fosse un comportamento a rischio e che invece lo fosse il (o la?) fellatio...
saluti
nedo.nadi
 
Messaggi: 54
Iscritto il: 9 marzo 2012, 17:28

Re: panico(quasi)totale

Messaggioda Qiang-shen-gong » 11 luglio 2012, 10:39

Beh concordo in parte nedo.Ti diro'..mi e'capitato anche l' escort che nn ha voluto retribuzioni.A suo tempo.Credo che le piacessi.A 25 anni ha gia'appartamenti intestati.E chi li tiene?Se lavorero'una vita,mah...la vedo buia.Concordo che ci son molte ragazze bellissime che scelgono questo lavoro.Peccato pero'che abbiano costi insostenibili..600 euro,500 euro..1000 euro..e per cosa?Una donna che cmq nn amo.E'parecchio che nn vado piu'con escort.Credo che nn lo faro'piu'cosi',sai.La conquista,l'emozione che mi da' quella donna in particolare..naaa,la prostituzione mi e'servita,ma,parlo per me,mi ha annoiato.Se penso alla trafila..contattala,parlaci,vedila,vacci a letto,pagala...e scappa.MA CHE NOIAAAAAAAAAAAA!Direi che per il rischio mst,se usi il condom,nn si discosta molto da chi incroci per strada nella vita quotidiana.Le sorprese stanno dve nn te l'aspetti...
Qiang-shen-gong
 

Precedente

Torna a AIDS e HIV

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 21 ospiti